Passa ai contenuti principali

Efficienza, non piagnistei



In un articolo scritto su Repubblica ieri, si evidenziava la rabbia, l'impotenza e la frustrazione delle Forze dell'Ordine nel contrastare i ripetuti fenomeni di violenza che accadono quasi domenicalmente nei nostri stadi. Hanno ragione. Così non si può andare avanti. Serve un intervento drastico e deciso sul modello di quello applicato in Gran Bretagna che ha eliminato, almeno in patria, il fenomeno degli hooligans.
Fatta questa doverosa premessa, però entriamo più nello specifico ed analizziamo con attenzione il comportamento delle nostre Forze dell'Ordine.
Ovviamente prendo ad esempio il caso più recente e ancora di attualità del Derby di Torino.
Primo: far passare il pullman della Juventus in via Filadelfia è stato un atto di una leggerenza imperdonabile che evidenzia quanto sia stato sottovalutato ciò che poi è avvenuto nella realtà. E' stato come, perdonatemi il paragone, gettare una ragazza superfiga in una cella di carcerati. Sul posto erano presenti poliziotti e carabinieri ai quali non sarà sfuggito che c'era un notevole assembramento di tifosi del Toro. Cosa pensavano, che all'arrivo del pullman della Juve, come le acque davanti a Mosè, si sarebbero aperti in due ali di devoti festanti l'odiata avversaria?
I responsabili avrebbero dovuto segnalare il possibile pericolo di attacco e far fare al mezzo di trasporto il giro più largo, passando dall'altra parte dello stadio, in corso Unione Sovietica, per imboccare via Filadelfia dalla parte opposta dove non c'era nessuno. Non sarebbe successo nulla.
Secondo: ho letto alcune interpretazioni fantasiose di petardi e bombe carta che verrebbero nascosti negli slip di bambini e ragazze per passare ai controlli. Ma per piacere! Lo sanno anche le pietre che tutte queste armi improprie non entrano all'interno dello stadio la domenica, ma durante la settimana quando non ci sono controlli. Gli Ultras hanno i loro nascondigli e si fanno beffe dei poliziotti.
E qui che manca totalmente un minimo di intelligence da parte delle Forze dell'Ordine nel tentare di infiltrarsi all'interno di questi gruppi organizzati per capire come operano, come fanno a far entrare fumogeni, petardi e bombe carta all'interno dello stadio per poi requisirli.
Quello che voglio dire è che si assiste passivamente, senza alcun tipo di intervento, allo strapotere ultrà, che finchè non sarà combattuto realmente con uomini preparati e dedicati a questo tipo di missioni, continuerà a imperversare.
Un plauso quindi alle nostre Forze dell'Ordine per il loro continuo sacrificio e impegno, però svegliatevi signori perché la prossima volta ci scappa di nuovo il morto. 
    

Commenti

Post popolari in questo blog

La maledizione del numero 7

Nel mio penultimo libro dal titolo “Pàntaclo” (pentacolo in latino), narro una storia molto complessa che si basa sostanzialmente sull'esistenza di una setta, “La Setta del Pàntaclo”, il cui obiettivo era quello di far avverare un’antica Profezia che prevedeva il totale sovvertimento dei credi religiosi con l'abbattimento di tutti quelli esistenti per farne prevalere uno solo: l'adorazione di Satana. Durante la scrittura del libro mi è capitato di imbattermi spesso in date e numeri e poco a poco sono arrivato a delle scoperte sconcertanti. Il numero della Bestia o Satana indicato nel Nuovo Testamento, nell'Apocalisse di Giovanni, è il ben noto 666. Ma tale numero può essere anche scomposto e diventare un altro numero. Se moltiplichiamo 6 per 3 otteniamo 18. 8 meno 1 è uguale a Sette. Ecco secondo la mia interpretazione il vero numero del demonio non è 666 bensì 7. Perché affermo questo? Perché tutti gli atti più efferati che hanno contraddistinto il mondo occidentale negli …

Kleine Zufriedenheit...

Ancora un primato! Sullo Store Amazon in Germania i miei eBooks "Il segreto di Giulia" e "Thriller Trilogy" sono rispettivamente 1° e 2° nella classifica degli eBooks gratuiti più venduti nella Sezione "Azione e Avventura" in lingua italiana. Außergewöhnlich!

L'ultima fatica!

Può esistere un’amicizia tra un uomo e una donna? Molti affermano che non sia possibile. Addirittura Oscar Wilde scriveva che “Fra uomo e donna non può esserci amicizia. Vi può essere passione, ostilità, adorazione, amore, ma non amicizia”. Altri affermano il contrario dichiarando che l’amicizia possa esistere.
L’Autore affronta in questo libro il dibattuto tema di cui sopra, narrando la storia di Chiara e Michele.
I due protagonisti si conoscono da giovani lavorando entrambi nello stesso Studio Legale. Tra i due nasce subito un rapporto che va ben al di là della semplice conoscenza lavorativa. Michele sente di provare un’attrazione nei confronti di Chiara, ma non si fa avanti perché lei è già impegnata sentimentalmente.
Trascorsi cinque anni le strade di Chiara e Michele si dividono e cessa anche la loro frequentazione.
Dopo 25 anni, del tutto casualmente, Michele consultando la rubrica del cellulare scopre che possiede ancora il numero telefonico di Chiara. Lo assale un desiderio incont…