Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2015

Bruciata viva in piazza, ora Farkhunda è diventata l'eroina di Kabul

Accusata ingiustamente di aver bruciato il Corano, è stata assalita da una folla di uomini davanti a un santuario. Ora si scopre che la ventisettenne di Kabul era una colta studiosa di diritto islamico, che aveva denunciato i ciarlatani che vendono amuleti portafortuna ai fedeli più ignoranti. Ed è stata uccisa per questo.
E' stata uccisa in pieno giorno, pestata da una folla di uomini inferociti, il corpo schiacciato da una pietra pesante. Si è detto di lei che era debole di mente, una poveraccia capitata per caso davanti a un santuario, ingiustamente accusata di aver bruciato il Corano, vittima di un assassinio brutale. Per la morte della 27enne Farkhunda, avvenuta a Kabul il 21 marzo scorso, sono scese in piazza oltre tremila persone. Molte erano donne, il volto dipinto di rosso a ricordare la sua faccia sfigurata dalle botte. Altre donne hanno portato la sua bara al funerale. A qualche giorno di distanza, una nuova verità emerge: quella di una giovane donna istruita, una studios…

Bonino: ''Andiamo avanti contro questa 'bestiaccia' invadente''

"Quando mi hanno diagnosticato il cancro all'inizio non ho accettato l'idea di essere ammalata. Il privato non è il pubblico, quindi mi è costato dire di essere malata. Poi cita Luca Coscioni. "Dal corpo dei malati al cuore della politica. Io al Quirinale? Era possibile come sorpresa quando mi sono candidata pubblicamente nel 1999. Il mio è un nome che viene sempre tirato in ballo così, per darsi un tono. Però non penso che sia mai stato preso in considerazione seriamente da nessuno dei 1.000 grandi elettori. Non amo dare pagelle ai politici, perché non amo riceverle. Dico solo che l'esperienza non è un demerito. D'accordo sul rinnovamento generazionale, ma essere giovani non è un gran merito, succede, però vorrei segnalare che dura pochissimo.

Continua la promozione gratuita di Crime e Pàntaclo Su tutti gli Store!

Su tutti gli Store sta proseguendo la campagna promozionale dei miei ultimi due eBook: "Crime" e "Pàntaclo". Entrambi i libri sono in vendita gratuita senza limiti temporali. Vista l'importanza dello Store indico solo il link di Amazon, ma, ripeto, i libri li potete trovare ovunque. 
Amazon

Non è un videogame

Mi sono chiesto più volte in questi giorni nei quali si sente parlare molto sui telegiornali dei "foreign fighters", ovvero di cittadini occidentali che vanno a combattere in Siria nel nome di Allah, quali siano i motivi o le ragioni che spingono questi giovani ad abbandonare gli agi della vita in un paese occidentale per catapultarsi in una realtà drammatica dove impera la guerra e il terrore. Che cosa spinge un giovane inglese o francese o italiano, che vive nell'epoca dell'iPhone e di Messi, ad abbandonare tutto, la famiglia, i genitori e magari la ragazza per imbracciare un kalashnikov e seminare la morte contro coloro che non la pensano come lui? Io credo che la risposta vada trovata all'interno della nostra stessa incancrenita società. Oggi i giovani non hanno più valori, se non quelli di portare i pantaloni con il cavallo basso e le mutande di marca bene in vista oppure di mettere delle inguardabili scarpe da ginnastica senza lacci. C'è una povertà di …

Pedofilia, Papa Francesco all'attacco

L'impegno di papa Francesco contro la pedofilia all'interno della Chiesa prosegue senza sosta. Il Pontefice lo ribadisce in una lettera ai superiori degli istituti religiosi e ai presidenti delle Conferenze Episcopali di tutto il mondo, confermando che non sarà abbassata la guardia su questo fenomeno: "Non c'è assolutamente posto nel ministero per coloro che abusano dei minori". Poi sottolinea come la tendenza che ha caratterizzato la Chiesa nel passato di tenere i casi nascosti per evitare scandali sia da respingere: "Non potrà, pertanto, venire accordata priorità - spiega - ad altro tipo di considerazioni, di qualunque natura esse siano, come ad esempio il desiderio di evitare lo scandalo".
"Le famiglie - scrive Francesco - devono sapere che la Chiesa non risparmia sforzi per tutelare i loro figli e hanno il diritto di rivolgersi ad essa con piena fiducia, perchè è una casa sicura". E invita vescovi e sacerdoti ad incontrare le vittime degli …

Davide contro Golia

Sono ore d'ansia presso le Cancellerie europee. Si stanno svolgendo le trattative sulla Grecia e il loro risultato potrebbe causare degli effetti sui mercati finanziari allo stato attuale imprevedibili. Dando per scontato che la Merkel non accetterà mai le condizioni poste dal "comunista" Tsipras, bisognerà capire quale sarà il contenuto dell'eventuale accordo tra i due capi di Governo. Lo scenario più temuto dai burocrati di Bruxelles alla vigilia delle elezioni greche, ossia una vittoria schiacciante di Tsipras che gli consentisse di imporre alla Troika un drastico ridimensionamento del debito greco e un altrettanto drastico ridimensionamento dei sacrifici e delle misure di politica sociale subite in questi anni per potere ottenere la stratosferica cifra di 200 miliardi di euro per evitare il default, per loro fortuna non si è avverato. Parliamoci chiaro. Io tifo per Tsipras e spero che, al di là degli inevitabili proclami elettorali che avevano lo scopo di arrivare …

Non chiamiamoli terroristi

Oggi la mia città è in lutto. Torino piange le sue due vittime, Antonella Sesino e Orazio Conte, barbaramente uccisi pochi giorni fa in Tunisia dalla follia omicida di alcuni appartenenti all'Isis. Ecco è su come chiamare gli adepti di questa organizzazione dedita al massacro e alle esecuzioni indiscriminate di occidentali che vorrei spendere due parole. Vengono genericamente definiti "terroristi", forse perché la lingua italiana (bisognerebbe chiederlo a qualche appartenente all'Accademia della Crusca) non è in grado di esprimere un termine ancora più negativo, più nefasto, più dispregiativo che il semplice "terroristi". Ma questi fanatici, a mio parere, non sono semplici "terroristi", sono ben di peggio. Noi europei sappiamo molto bene cos'è il terrorismo. L'abbiamo provato sulla nostra pelle negli anni '70, con "Prima Linea", "Le Brigate Rosse", "La Baader Meinhof", l'"ETA". Ma questi erano mo…

I "Minorati PD"

Sono ormai mesi che imperversano su tutti i telegiornali notizie e servizi su quella che ormai è passata alla storia come la "Minoranza PD". Un manipolo di falliti che ha portato il partito al minimo storico nelle ultime Elezioni Politiche (25%), che ha governato per anni dimostrando incapacità e totale inettitudine nel reggere il confronto con il grande nemico "Silvio Berlusconi" che infatti, senza troppa fatica li ha umiliati, spazzandoli via dalla scena politica uno a uno.   Ora che il PD è saldamente nelle mani di Renzi che lo ha portato ad ottenere quasi una percentuale bulgara nelle ultime Elezioni Europee, questi signori, che non riescono a farsi una ragione della loro sconfitta politica emersa democraticamente nell'ultimo Congresso, continuano imperterriti a contestare i provvedimenti del Governo, minacciano non si sa bene cosa, cercano disperatamente di non finire nell'anonimato riunendosi quasi ogni giorno per dire sempre le stesse cose, come se no…

Un uomo solo al comando

Sono rimasto molto colpito dalle parole espresse pochi giorni fa da Papa Francesco, quando ha affermato di ipotizzare per se stesso un orizzonte temporale di vita molto breve, massimo due o tre anni. I mass media hanno perlopiù etichettato questa "profezia" come una battuta, un tentativo un po' macabro del Santo Padre di scherzare sul proprio conto. D'altra parte, pare, che non sia la prima volta che il Papa si lasci andare a "battute noir". A giugno durante un colloquio con alcuni giovani della diocesi di Roma nei Giardini Vaticani, avrebbe scherzato a proposito dell'aspetto "definitivo" dell'incarico papale.
Niente di particolare, allora direte voi. Un semplice "coup de théatre".
Io non ne sarei così sicuro. Papa Francesco sta combattendo una battaglia senza eguali nella centenaria storia pontificia. E' un Papa "borderline", al di fuori di quelli che sono i canovacci tradizionali della tradizione pontificia. E la Cur…

L'ultimo ululato

Trovo che quella che ha travolto l'ormai ex ministro Maurizio Lupi sia l'ennesima triste vicenda che ormai da un po' di tempo a questa parte sta coinvolgendo i nostri amati politici di destra, di sinistra e di centro. Adesso viene quasi da dire: avanti un altro. Noi cittadini, ci siamo talmente abituati al malaffare, alle menzogne, ai ladrocini dei nostri rappresentanti politici, che quasi non proviamo più né rabbia né nausea per quello che la cronaca ormai giornaliera ci vomita puntualmente all'ora di pranzo. Ma veniamo nello specifico. Quali sono le colpe di Lupi, che devo onestamente dire io ritenevo uno dei pochi esponenti politici del centrodestra con una testa pensante, come poi i fatti hanno dimostrato con il suo allontanamento da Forza Italia e l'approdo in NCD. Ha semplicemente raccomandato suo figlio a un faccendiere, che naturalmente ha subito esaudito la richiesta di lavoro, per non parlare dell'accettazione sempre da parte di suo figlio in dono di un …

Pàntaclo vive !

La stesura del mio libro "Pàntaclo" è finita da un pezzo e il libro è stato pubblicato già da tempo, ma purtroppo, come da me segnalato già nelle scorse settimane nella sinossi dell'eBook, la storia non è ancora finita. Il libro si sta auto alimentando da solo e io non posso aggiornarlo come se fosse su Wikipedia. Perché dico questo. Perché ieri l'attentato di Tunisi ha riportato alla ribalta le mie tesi che gli ultimi attacchi effettuati dall'Isis abbiano un filo logico, non prevedibile, ma che ha un comune denominatore: i numeri. E' innegabile che la Setta che nella mia storia prepara l'Avvento dell'Anticristo, oggi si possa tranquillamente paragonare al movimento jihadista. Dopo Parigi e Copenaghen, ecco Tunisi. Perché affermo che anche l'attentato di Tunisi si inquadra perfettamente nel disegno malefico? Semplice. Il giorno dell'attentato è il18. 8-1 = 7. La data dell'attentato è il 18/03/2015. 18+3+8 (2015) = 29.  9-2 = 7. Ora gli scetti…

Italietta !

Come si diceva ai tempi degli antichi romani, mentre a Roma si discute, Sagunto cade. Mi è venuta di getto questa equiparazione, paragonando purtroppo a Sagunto i nostri eroici Marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Mentre i nostri politici continuano a parlare a vanvera cercando di risolvere la questione con l'intervento delle Istituzioni Internazionali, i nostri ragazzi continuano ad attendere non si sa bene cosa. Latorre è fortunatamente in Italia, ma non in vacanza, semplicemente perché si sta curando per problemi cardiaci (con obbligo a breve di rientro in India), mentre Girone sta marcendo in quel paese di beoti. Un paese che sarà anche la seconda economia emergente nel mondo dopo la Cina, ma che sta dimostrando di essere governata da cavernicoli che non hanno la più pallida idea di cosa sia la giustizia e l'umanità. Per non parlare dell'ipocrisia che ammanta tutta questa lurida storia. I governanti indiani che se ne sono sempre sbattuti altamente i coglioni dei p…

#ELTONJOHNSTAISERENO !

Vendola dopo il caso D&G: "Tra due mesi sposo Ed e penso alla paternità"


Il leader di SEL si confida al settimanale "CHI" e risponde a distanza alla polemica sulla famiglia tradizionale suscitata dalle frasi degli stilisti che hanno tanto fatto infuriare la stella inglese del rock Elton John.
REPUBBLICA


исключен !

Oggi è una giornata plumbea, pioviggina e fa freddo. Di sicuro il clima non mi aiuta a superare l'incazzatura per quello che mi è successo ieri. Vi chiederete che cosa c'entra Stalin con questo post e soprattutto cosa significhi il titolo del post medesimo scritto chiaramente in russo. Ebbene, l'ingombrante presenza del dittatore bolscevico la chiariremo strada facendo. Per quanto riguarda il titolo significa semplicemente: Cancellato, espulso ! Eh sì, perché dopo ripetuti e vani tentativi sono finalmente riuscito a farmi sbattere fuori dal Forum Simplicissimus Book Farm.  I miei rapporti con i moderatori non sono mai stati idilliaci (ammetto che io sono piuttosto propenso alla polemica). In particolare ce ne sono due, uno che ha per nickname una lettera dell'alfabeto greco (ma che dubito abbia mai studiato tale lingua), l'altro che ha un nickname che richiama alla memoria la battaglia di Little Bighorn dalla parte degli Indiani. Abbiamo avuto diversi scambi di opini…

Da oggi "PANTACLO" gratis su tutti gli Store !

Una NUOVA notizia importantissima.
Ho ritirato "Pàntaclo" da KDP Amazon e l'ho ripubblicato con YOUCANPRINT.
Il risultato? Da oggi il libro è in vendita gratuita su tutti gli STORE, a tempo indeterminato. Per ora il libro è disponibile su:

STORE IN CUI IL LIBRO E' GIA' VENDITA
Nel corso di qualche giorno il libro sarà disponibile anche su tutti gli altri Store. Perché ho preso questa decisione? Per un semplice motivo. Questa è la versione originaria di "Pàntaclo" e non quella rivista e riadattata inserita nel mio ultimo romanzo "Crime". Per cui chi volesse leggere la prima stampa di "Pàntaclo" può farlo gratuitamente. 

Buona lettura !

Soddisfazioni...

Sì, lo ammetto è una picolla/grande soddisfazione vedere il mio eBook "Thriller Trilogy" in testa, ormai da diversi giorni, nella TOP 10 Generale di MediaWorld. Avere alle spalle autori ben più blasonati di me mi inorgoglisce e allo stesso tempo mi spinge sempre di più a proseguire nella mia attività editoriale.  Ovviamente un sincero ringraziamento a tutti i lettori che hanno creduto in me e nel mio libro.

L'ex tesoriere che ora fa il caffè

La seconda vita di Francesco Belsito. L’ex tesoriere della Lega, inquisito, gestisce un bar a Genova

Davanti alla sua gelateria, l’altra mattina, li ha visti sfilare tutti. Leghisti noti e meno noti, il segretario Salvini e il candidato governatore Rixi in testa. E lui lì, al bancone dei bignè e delle sfogliatelle, oppure dietro alla cassa.  Il giorno dopo, Francesco Belsito, giura di non aver provato, nemmeno per un istante, la tentazione di uscire e seguire il popolo della Lega al Teatro della Gioventù che è a due passi dal Balilla, bar simbolo della city: il locale nel quale Belsito è entrato come socio, all’inizio della sua seconda vita, dove l’unico verde è quello dei coni al pistacchio e dello sciroppo alla menta.  «No, non ho provato nemmeno per un attimo il desiderio di uscire per ascoltare il comizio, sarebbe stato come un salto indietro nel tempo - dice - fino a un passato che non mi appartiene più. Il mio presente adesso è qui, in questo bar».  Belsito giura di non voler parlare…

8 marzo, Festa delle Donne

Forse non ho studiato abbastanza. Sto ancora cercando di capire cosa pensano le donne a proposito della Festa a loro dedicata.  Certo, un po’ è come San Valentino: sembra più una giornata volta a far festeggiare fiorai e ristoratori, piuttosto che le donne stesse. E poi, perché una Festa della Donna? Non sono sicuro che le Donne si sentano davvero pari all’uomo. Non è dimostrazione di parità il fatto che si riuniscano in branchi per andare a sghignazzare al pub, dove le aspetta lo spogliarellista col capello unticcio pronto a farsi infilare dieci euro nell’elastico del – mio Dio – tanga. Ma d’altronde, di dimostrazioni di parità ce ne sono ben poche. Non è paritàquando vai al lavoro e vieni pagata meno anche se svolgi  la stessa mansione di un uomo. Non è parità quando per strada, sull’autobus, nei supermercati vieni assalita – sì, dico assalita – da attenzioni non richieste, occhiate viscide ed indesiderate, mani che vagano qua e là approfittando di una vicinanza che non può essere evitat…

Da oggi "CRIME" gratis su tutti gli Store !

Una notizia importantissima.
Ho ritirato "Crime" da KDP Amazon e l'ho ripubblicato con YOUCANPRINT.
Il risultato? Da oggi il libro è in vendita gratuita su tutti gli STORE, a tempo indeterminato.
Per ora il libro è disponibile su:

STORE IN CUI IL LIBRO E' GIA' IN VENDITA

Nel corso di qualche giorno il libro sarà disponibile anche su tutti gli altri Store. A questo punto tocca a Voi lettori cogliere questa opportunità relativa a un libro al quale io tengo moltissimo e che si può considerare come la sintesi della mia attività editoriale. Un caro saluto a tutti.

Grazie e ancora grazie !

Questa mattina ho appurato che il mio appello lanciato il 3 marzo è stato recepito alla grande. Infatti oggi "Thriller Trilogy" è al secondo posto nella TOP TEN generale di MediaWorld e al primo nella sezione "Gialli e thriller". Che altro dire se non un grazie di cuore a tutti i lettori.

Come rimpiango Bossi...

Premetto che non sono un leghista e dubito fortemente che mai lo sarò. Quando però alla guida del partito c'era Umberto Bossi, la linea politica perseguita dalla formazione era abbastanza chiara. Collocamento nel centrodestra, ma senza alcuna deriva fascistoide. Anzi si può dire che la Lega fosse senz'altro un partito moderato, nonostante le uscite scissionistiche e talvolta xenofobe, che facevano però più parte del bagaglio demagogico e populista dei singoli esponenti del partito, primo fra tutti il simpaticissimo Borghezio. Bossi non si sarebbe mai alleato con i fascisti, basti ricordare i suoi rapporti non proprio idilliaci con Gianfranco Fini. Ma ora cosa è la Lega (ammesso che di un sol partito si possa parlare, visto l'andazzo in Veneto dove Tosi è perennemente in contrasto con i vertici della Lega stessa)? Salvini è ossessionato da Renzi, del quale cerca disperatamente di imitare gli stessi mezzi comunicativi e sta portando il partito sempre più a destra, prima strizza…

Thriller Trilogy

Buongiorno a tutti. Chiedo un piccolo favore a chi fosse intenzionato ad acquistare il mio eBook "Thriller Trilogy" in formato epub. Acquistatelo su MediaWorld - Net Ebook. Perché? Semplicemente perché su quello Store è da 8 mesi che il libro è nella TOP TEN e mi piacerebbe battere tutti i record relativi alle vendite dei libri degli autori auto-pubblicati. Comunque in ogni caso grazie.

Chi è il mandante dell'omicidio Nemzov?

Nemzov, il giallo delle telecamere spente. La fidanzata: “Mi vietano di andare al funerale”

II sistema video sarebbe stato guasto. Il Comune smentisce. Ma le immagini non ci sono.

Il giorno dopo la grande manifestazione dell’opposizione a Mosca spunta un giallo che riguarda le telecamere di sorveglianza nella zona del delitto che secondo alcuni giornali russi erano spente perché «in riparazione».   Il Comune di Mosca smentisce ribadendo che i sistemi funzionavo. Ma da quando, nella tarda serata del 27 febbraio, Nemzov è stato freddato da quattro colpi di pistola sul ponte Bolshoi Moskvoretski, è stato pubblicato solo un video (di scarsa qualità) delle registrazioni effettuate dalle telecamere di sorveglianza, da un punto in cui l’assassino rimane coperto per la maggior parte del tempo da un mezzo definito uno «spazzaneve».   Molti giornalisti a Mosca hanno ricordato sui social network che anche solo effettuare delle riprese professionali da quel ponte, fa scattare l’arrivo della poliz…

La crisi dell'auto è finita?

Auto, la ripresa continua: a febbraio +13,2% Il gruppo Fca meglio del mercato: le immatricolazioni balzano del 13,47% La ripresa dell’auto continua. A febbraio le immatricolazioni hanno fatto registrare un balzo del 13,2%. Il gruppo Fca ha fatto meglio del mercato: le consegne sono state 37.789, in aumento del 13,47% sullo stesso mese del 2014, e la quota del gruppo presieduto da John Elkann e guidato dall’ad Sergio Marchionne è salita dal 28% al 28,06 per cento. Si tratta del miglior risultato degli ultimi cinque anni. Boom per Jeep, quasi 2.500 consegne (+290,6%) e quota all’1,8%, in crescita dell’1,3%.   A spingere verso l’alto i risultati di Fca sono stati sia i modelli che da tempo dominano le vendite in Italia (500, 500L, Panda), sia le novità lanciate da poco, come la 500X e la Renegade, ormai stabilmente le più vendute del loro segmento. «La crescita del mercato italiano è coerente con l’andamento positivo del mercato dell’Unione Europea, che in gennaio è pure in crescita (+6,…

Il coccodrillo sì il maialino no

All’Expo anche il coccodrillo dello Zimbabwe. Ma il maialino sardo rimane bandito Esportazione vietata a causa della peste suina. Nessuna deroga per l’evento di Milano Ci sarà il pane carasau e non mancheranno il cannonau, il vermentino, il pecorino, i dolci e la bottarga. Ma non ci sarà il maialetto arrosto: “su proceddu”, delizia della tavola, la Sardegna non potrà farlo conoscere (e magari offrirlo) ai milioni di visitatori dell’Expò. A Milano la carne dei suini allevati nell’isola sarà assolutamente vietata. I turisti potranno gustare piatti a base di carne di coccodrillo dello Zimbabwe e anche insetti in varie salse, ma uno dei piatti più apprezzati della cucina sarda è stato messo al bando. E la stessa regola vale anche per i prosciutti e le salsicce. La ragione è molto semplice: in Sardegna è ancora diffusa la peste suina e da tempo vige il divieto assoluto di esportazione della carne di maiale e dei suoi derivati.  Per l’Expò gli allevatori si aspettavano almeno una deroga ma i…