Passa ai contenuti principali

Isis pubblica le foto del commando di Parigi, due attentatori potrebbero essere iracheni



Due degli autori degli attentati del 13 novembre a Parigi potrebbero essere iracheni. L’ultimo numero della rivista dello Stato Islamico, Dabiq, pubblica una sorta di foto manifesto, con i volti di nove uomini, fra cui sono riconoscibili alcuni attentatori, sullo sfondo di Parigi e il titolo «Just terror». Tutti sono identificati con dei soprannomi che si riferiscono al paese di provenienza, al-Baljiki per i belgi e al-Faransi per i francesi, ma due sono indicati come al-Iraki (l’iracheno).   
Salah, il grande assente.  
Due dei tre kamikaze che si sono fatti esplodere vicino allo stade de France avevano falsi passaporti siriani ed erano stati registrati fra i profughi arrivati in Grecia, ma finora non sono stati identificati. Colpisce la mancanza di Salah Abdeslam dalla foto. L’uomo, ricercato dalle polizie di tutta Europa, è ancora a piede libero. Si sa con certezza che era a Parigi e probabilmente è lui che ha accompagnato i tre attentatori dello Stade de France, per poi spostarsi verso il XVIII arrondissement. Ha abbandonato l’auto (e una cintura esplosiva) per poi scomparire nel nulla.   
La sua assenza dalla foto potrebbe significare che l'Isis creda che non abbia fatto il suo dovere nell’attentato, che abbia rinunciato o l’abbia mandato a monte.

Commenti

Post popolari in questo blog

La maledizione del numero 7

Nel mio penultimo libro dal titolo “Pàntaclo” (pentacolo in latino), narro una storia molto complessa che si basa sostanzialmente sull'esistenza di una setta, “La Setta del Pàntaclo”, il cui obiettivo era quello di far avverare un’antica Profezia che prevedeva il totale sovvertimento dei credi religiosi con l'abbattimento di tutti quelli esistenti per farne prevalere uno solo: l'adorazione di Satana. Durante la scrittura del libro mi è capitato di imbattermi spesso in date e numeri e poco a poco sono arrivato a delle scoperte sconcertanti. Il numero della Bestia o Satana indicato nel Nuovo Testamento, nell'Apocalisse di Giovanni, è il ben noto 666. Ma tale numero può essere anche scomposto e diventare un altro numero. Se moltiplichiamo 6 per 3 otteniamo 18. 8 meno 1 è uguale a Sette. Ecco secondo la mia interpretazione il vero numero del demonio non è 666 bensì 7. Perché affermo questo? Perché tutti gli atti più efferati che hanno contraddistinto il mondo occidentale negli …

Kleine Zufriedenheit...

Ancora un primato! Sullo Store Amazon in Germania i miei eBooks "Il segreto di Giulia" e "Thriller Trilogy" sono rispettivamente 1° e 2° nella classifica degli eBooks gratuiti più venduti nella Sezione "Azione e Avventura" in lingua italiana. Außergewöhnlich!

L'ultima fatica!

Può esistere un’amicizia tra un uomo e una donna? Molti affermano che non sia possibile. Addirittura Oscar Wilde scriveva che “Fra uomo e donna non può esserci amicizia. Vi può essere passione, ostilità, adorazione, amore, ma non amicizia”. Altri affermano il contrario dichiarando che l’amicizia possa esistere.
L’Autore affronta in questo libro il dibattuto tema di cui sopra, narrando la storia di Chiara e Michele.
I due protagonisti si conoscono da giovani lavorando entrambi nello stesso Studio Legale. Tra i due nasce subito un rapporto che va ben al di là della semplice conoscenza lavorativa. Michele sente di provare un’attrazione nei confronti di Chiara, ma non si fa avanti perché lei è già impegnata sentimentalmente.
Trascorsi cinque anni le strade di Chiara e Michele si dividono e cessa anche la loro frequentazione.
Dopo 25 anni, del tutto casualmente, Michele consultando la rubrica del cellulare scopre che possiede ancora il numero telefonico di Chiara. Lo assale un desiderio incont…